“L’Harem del Narcisista – le risorse e il rifornimento-”

“Lei è solo un’amica, tu sei l’unica per me”!

Vi suonano famigliari queste parole?

Beh, mi duole dire che questa di cui sopra è tra le bugie più grandi mai dette da un Narcisista.

Non siamo mai state “le sole”, in quella relazione.

Una stuola di “amiche”, ex fiamme, conoscenti, ammiratrici ha sempre ruotato attorno al narciso con lo scopo di farlo sentire ammirato e desiderato (ciò di cui ha più bisogno per sentirsi “vivo”).

Un contenitore vuoto, all’apparenza molto affascinante, che in realtà non ha ragione di esistere senza l’approvazione degli altri.

Per usare i termini di HG Tudor, che come già ho accennato in un altro articolo è un Narcisista inglese, autore del blog “Knowing the Narcissist” (conoscere il Narcisista), tutte le persone che ruotano intorno all’orbita del narciso sono considerate da lui oggetti, o più propriamente, “risorse”.

Il loro scopo è quello di procurargli rifornimento narcisistico (energia, adulazione, importanza, denaro, favori ecc) e sono sapientemente riposte su uno scaffale, pronte per l’uso.

Esistono vari tipi di risorse, le più importanti da menzionare sono la risorsa primaria, le risorse secondarie e quelle terziarie.

La risorsa primaria, di solito, è la partner ufficiale.

Dico “di solito” perché a volte può essere un genitore ad avere questa funzione (avete mai notato che molti narcisisti hanno un rapporto morboso con la madre?).

È la fonte migliore di energia e di supporto, perché è quella “promossa” ad esserlo – dopo un periodo di studio e innumerevoli prove di resistenza- ed è quindi quella risorsa eletta “regina” e fatta sentire illusoriamente come tale, importante e unica, nel periodo d’oro.

Le risorse secondarie sono tutte quelle persone che hanno confidenza con il Narcisista, un livello di conoscenza ambiguo, ad esempio ex fidanzate – quelle che non hanno capito con chi hanno avuto a che fare e che ancora si fanno “utilizzare” a loro insaputa-, le ex fiamme, le “amiche” (il termine amiche lo metto sempre tra virgolette perché un’amicizia sana con un soggetto del genere è impossibile, quindi per forza di cose si tratta di amiche con le quali magari non è successo nulla di concreto ma ci sono stati sicuramente almeno dei flirt platonici, oppure un rapporto di amicizia insolito, basato sicuramente su una qualche sfumatura di opportunismo).

Le risorse terziarie sono quelle generalmente legate all’ambiente lavorativo, non a caso si nota come molti narcisisti abbiano lavori a contatto con il pubblico (ad esempio medici, artisti – attori, musicisti, fotografi- avvocati, personal trainer) posizioni dove la gratitudine e l’ammirazione del cliente sono elementi fondamentali.

Oppure sono solo conoscenze superficiali. I social network sono perfetti per alimentare questo tipo di connessione.

Detto questo, cosa succede all’interno di questo sistema di risorse?

La risorsa primaria, e quindi la fidanzata ufficiale, ha una data di scadenza. Prima o poi verrà sostituita (perché ad un certo punto non elargirà più rifornimento narcisistico sufficiente. È solo una questione di tempo ma quando questa capirà -o quanto meno sarà infastidita dalla manipolazione subita-, sarà disposta a dare di meno per causa di forza maggiore).

Nella fase di svalutazione della risorsa primaria – che avviene sempre e comunque-, il Narcisista si rifà sempre alle risorse secondarie e terziarie. Come? Giocando il ruolo di vittima e cercando di ottenere compassione da queste. Per lui uscire pulito da ogni situazione è un’ossessione.

Per questo motivo per il narciso è sempre meglio tenere le “amiche” nell’ombra, sentirle di nascosto, magari con il secondo cellulare o il sesto profilo Facebook. O il decimo indirizzo mail.

Lui deve separare sempre la risorsa primaria dalle altre, altrimenti non può correre da una o dall’altra a seconda del bisogno (è per questo che le “amiche” non le presenta mai, o comunque non tutte quelle che ha).

Per svalutare la “regina”, per raccontare di quanto è cattiva e gelosa. Per tenersi tutte le risorse buone, nell’eventualità in cui lui voglia finalmente sostituirla, ricominciando i “casting” per la nuova posizione vacante di Risorsa Primaria.

E per non rimanere nemmeno un minuto da solo, cosa di cui non è assolutamente capace, va bene anche andare a ripescare momentaneamente una ex (una di quelle ignare e non ancora consapevoli della fortuna che hanno a non essere più sedute sul “trono”) con la tecnica dell’Hoovering (aspirapolvere): un messaggino dopo mesi o anni di silenzio per tastare il terreno. Per ricevere attenzione, che sia di qualunque tipo. Anche una reazione di rabbia è carburante per questi soggetti.

A mio avviso, una prova tangibile del fatto che per i narcisi siamo tutti solo oggetti, è la facilità con la quale riescano ad “innamorarsi” di persone totalmente diverse tra loro: bionde, more, alte, basse, magre o in carne, qualsiasi nazionalità, qualsiasi credo, qualsiasi personalità.

A loro va bene “La Qualsiasi”, per l’appunto.

Le donne che scelgono hanno in comune, da quel che ho potuto notare, solo alcune caratteristiche, come l’amore per gli animali, per i più deboli in generale e, di solito, hanno una spiccata sensibilità (e ingenuità).

{Non a caso, come ho già detto nel mio articolo “Sono Nata Sbagliata” la preda perfetta per il narciso è la personalità altamente sensibile.}

In linea generale possiamo dire che il Narcisista ha bisogno di questa rete, di questo Harem, per esistere.

Trattare le persone come oggetti di sua proprietà e come “carburante” è ciò che li rende ciò che sono. Non c’è da stupirsi. C’è da accettare che loro sono quello che sono e non li puoi cambiare, nemmeno con tonnellate di Amore.

(Attenzione a non cadere nel tranello del proprio narcisismo “Io sarò in grado di cambiarlo perché sono speciale”. Purtroppo non funziona così).

Nessuno cambia nessuno, se prima questo non ha voglia di cambiare.

Ma si sa, con un Narcisista questa è una battaglia persa e la più grande soddisfazione che ci possa essere è non fare parte di questo Harem, né ora né mai più.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...